martedì 9 ottobre 2012

X-Files domestici.

"Dove cavolo l'ho messo? Era qui un minuto fa!" cit. ognuno di noi.



Oggi mi voglio occupare di uno strano fenomeno che per tanti anni ha disturbato le mie notti: gli x-files domestici, ovvero il modo misterioso in cui le cose spariscono mentre sono sotto al tuo naso.

Per tanti anni ho pensato di essere io la svampita, che era solo colpa mia se perdevo le cose per casa; ora ne sono convinta: sono le cose che in qualche modo si nascondono.

1) Il calzino nella lavatrice.
L'ultima volta che mi è capitato di assistere a questo strano fenomeno è stata la volta che l'ho provocato di proposito.
Prima di far partire la lavatrice (da qui in poi chiamata il Buco Nero) li avevo contati: sei calzini tutti appaiati. Dopo il lavaggio, la scoperta: erano 5.
Le ipotesi sono due: o la lavatrice ama particolarmente i calzini o la lavatrice è una porta rivolta verso una terza dimensione abitata da strane creature che ridono e vivono dei nostri calzini dispersi.

2) Il telecomando.
Forse questo è un problema solo mio, ma probabilmente ci accomuna tutti.
Il telecomando non è mai dove lo hai lasciato l'ultima volta. Ok, magari è passata la mamma (che tratteremo più avanti), ma vi posso garantire che il telecomando sparisce più di una volta al giorno; in casa mia ce ne sono più di 4, ma quello principale non si sa come viene perso in continuazione. Io lo poso su una mensola e, chissà come, finisce nel divano (e questo è successo mentre ero a casa da sola). Le spiegazioni possibili anche in questo caso possono essere due: o il telecomando prende vita e adora giocare nascondino oppure sono io che cado in uno stato di trance assoluto e non ricordo cosa ho fatto.

3) Il telefono nel Grande Buco Nero aka la borsa di una donna.
Andiamo più sul particolare. Come tutti ben saprete è di conoscenza generale il fatto che la borsa di una  donna è un buco nero.
La mia compagna di avventure è una ghiotta, anzi ghiottissima, divoratrice di chiavi, biglietti, trucchi, ma soprattutto di telefonini. Il mio telefonino, una volta che entra nella borsa, sparisce, per lo meno un'ora e non c'è verso di farlo ricomparire (ho passato sere a svuotare la borsa per terra, senza trovarlo; si nasconde bene il signorino).

4) Anelli, collane e compagnia bella.
Quando i nostri gioielli spariscono scattano le vere crisi. Impazziamo per giorni, ribaltiamo case, armadi senza trovarli neanche per sbaglio; un giorno, quando ormai ce ne siamo fatti una ragione, ritornano e si fanno trovare, facendoci sentire idioti e facendoci dire "Buon Dio, sto davvero invecchiando".
Personalmente credo di aver raggiunto l'apice perdendo un braccialetto in porta gioie, non mi sono mai sentita così stupida.

5) La mamma ovvero "Che stregoneria è mai questa?"
Esiste un solo ed unico modo per trovare qualsiasi oggetto nascosto: chiamare l'artiglieria pesante, ovvero la mamma. Non si sa come, la mamma è sempre in grado di ritrovare tutto.
Una conversazione tipo dopo la perdita di un oggetto è la seguente:

-Mamma, hai visto il mio (inserite qualsiasi oggetto) da qualche parte?-
-Guarda che è in cucina (o dove volete)!
-Ma non c'è, ho appena guardato!-
Ecco la pausa. La madre nel frattempo è alla ricerca del suddetto oggetto; a ricerca finita si avvicina a noi.
-E questo cos'è?










La nostra faccia, tutte le sante volte.


Attualmente credo di aver in giro per casa almeno una decina di oggetti dispersi, la vera domanda non è se li troverò, ma quando li troverò. E voi, come siete messi?